Monthly Archives: giugno 2014

Auto diesel o a benzina?

Uno dei tanti dilemmi degli automobilisti è quello di scegliere tra l’acquisto di una macchina diesel e una macchina a benzina. Entrambe le alimentazioni hanno i propri pregi e i propri difetti. La scelta, naturalmente, deve essere fatta secondo le proprie preferenze e il proprio utilizzo dell’auto. Una macchina alimentata a gasolio, quindi con motore diesel, costa di più rispetto alla stessa macchina alimentata a benzina.

Questo per diversi motivi, principalmente perché le tecnologie di costruzione delle macchine diesel sono più raffinate e più impegnative. Al contempo, però, il carburante diesel costa meno della benzina. La differenza tra le due alimentazioni è sostanzialmente questo ed è da qui, nella sostanza, che occorre effettuare la propria scelta tra l’una o l’altra soluzione. Se si effettuano molti km durante il proprio normale auto di guida, il minor prezzo del carburante diesel permetteranno di coprire abbastanza velocemente la spesa superiore (che può essere anche di mille o due mila euro) effettuata per l’acquisto dell’auto alimentata a gasolio.

Se invece si viaggia per pochi km all’anno, allora non ci sarebbe la giustificazione per la maggior spesa che comporta un veicolo alimentato a gasolio, con motore diesel. Un tempo, comunque, le auto diesel erano molto più rumorose delle auto a benzina e spesso questo dissuadeva gli acquirenti, ma le macchine moderne sono molto silenziose con entrambe le alimentazioni, quindi non c’è più questa discriminante quando al giorno d’oggi è necessario cambiare la propria vettura o capire quale auto prendere a noleggio per la propria vacanza o per il proprio viaggio di affari. Ovviamente non è possibile dare un consiglio unico generale.

Non esiste una risposta univoca alla domanda “è meglio una macchina a benzina o una macchina diesel?” Tutto dipende dalla propria situazione personale e dal proprio utilizzo dell’auto. Come abbiamo visto nell’articolo, comunque, la regola consiste all’incirca nel considerare quanti km si guida all’anno. Se si percorrono molti km, la convenienza di una macchina con alimentazione a gasolio aumenta, mentre se si percorrono pochi km è un’idea migliore rivolgersi a una macchina con alimentazione a benzina. La manutenzione dei diesel, inoltre, risulta spesso più costosa.

Le migliori auto a portar in vacanza

Quando si deve partire per una vacanza bisogna sempre cercare di capire quale auto utilizzare. Se si prende un’auto a noleggio la scelta di una buona auto è un momento fondamentale nella scelta dell’organizzazione delle proprie vacanze, sia estive che invernali, in particolar modo per quanto riguarda le vacanze più lunghe o più lontane da casa. Solitamente le auto di maggiori dimensioni sono più costose (e conseguentemente quelle di dimensioni inferiori sono più economiche), ma non si può scegliere esclusivamente in base al prezzo. Una famiglia avrà certamente esigenze diverse rispetto a una coppia di studenti, che a loro volta avranno esigenze differenti rispetto, ad esempio, a una coppia di anziani.

Per questo motivo la scelta dell’auto più adatta è davvero fondamentale. Se si ha bisogno di molto spazio per i bagagli naturalmente le auto più adatte sono le familiari o station wagon: permettono, infatti, di portare molto bagaglio. Sono anche una scelta molto vantaggiosa dal punto di vista del prezzo per chilometri percorsi: in particolare se si fanno viaggi molto lunghi in autostrada o in percorsi extraurbani solitamente non hanno consumi molto elevati e permettono quindi di essere una soluzione solitamente abbastanza conveniente ed efficiente dal punto di vista dei costi.

Le utilitarie sono una buona scelta se si ha un budget molto limitato, se non si ha bisogno di portare molti bagagli o se si è solo in due o ancora se si pensa di spostarsi principalmente in città. Sono macchine solitamente costruite per muoversi nel traffico, in autostrada i consumi potrebbero aumentare non di poco e spesso non rappresentano la scelta migliore dal punto di vista del prezzo per chilometri percorsi, proprio per i motivi elencati in precedenza.

Se però si pensa di spostarsi principalmente in città possono essere la scelta vincente: il parcheggio non è quasi mai un problema, i motori sono ottimizzati per gli spostamenti brevi a bassa velocità e sarà quindi possibile spostarsi nei grandi centri con agilità e facilità. Occorre quindi prendere in considerazione diversi fattori prima di stabilire con che auto andare in vacanza. Scegliere l’auto giusta permetterà una vacanza comoda e conveniente.

Come gestire l’efficienza della propria auto

Possedere un proprio veicolo è fonte di soddisfazione per milioni di persone in ogni parte del globo. È però fondamentale per tutti mantenere la propria vettura in completa e massima efficienza per evitare qualsiasi problema, più o meno grave, che può verificarsi durante la guida. A tale scopo sono presenti sulle automobili moltissimi dispositivi meccanici ed elettronici che sono in grado di assistere il guidatore o anche di intrattenere i passeggeri a bordo durante i viaggi, lunghi o brevi che siano.

I dispositivi elettronici moderni, detti anche OEM, sono davvero tanti e sono disponibili in sempre più auto. Lo sviluppo tecnologico, infatti, permette di sviluppare OEM sempre meno costosi, che possono essere equipaggiati e montati anche sulle macchine di gamma meno elevata. La prova è che abbiamo anche delle utilitiarie dove sono presenti dispositivi ormai di ogni genere. Uno dei primi dispositivi per l’aumento dell’efficienza della propria auto è stato l’ABS, ormai di serie praticamente su ogni veicolo venduto.

Poi sono arrivati l’EPS e i vari controlli di stabilità, per poi passare ai sensori di parcheggio e a tutti i vari dispositivi che si possono trovare, di serie o come optional, sulle auto moderne. L’utilizzo della tecnologia a bordo è sempre più un discrimine su quale auto affittare o prendere a noleggio, dato che è possibile aumentare l’efficienza di un veicolo anche di molto grazie agli OEM e ai vari dispositivi elettronici per la guida.

Sono molto diffusi oggi anche gli OEM per l’intrattenimento dei passeggeri a bordo, che vedono una presenza sempre più massiccia di internet a bordo della automobili. L’importanza di utilizzare i vari dispositivi OEM per l’efficienza della propria vettura è molto elevata, e fortunatamente le case automobilistiche ne stanno installando sempre di più di serie sulle proprie vetture anche di gamma inferiore. Questi dispositivi permettono, infatti, di guidare veicoli molto più sicuri rispetto al passato, e ciò è confermato dal numero sempre minore di incidenti che si verificano sia in Italia che nei paesi esteri. Si spera che nel futuro il diffondersi sempre maggiore di dispotivi di assistenza alla guida permetta di diminuire ulteriormente incidenti e mortalità sulle strade.

Guidare in Europa: differenze tra i paesi

Fare una vacanza all’estero è un desiderio di moltissimi italiani. Ormai viaggiare al di fuori dei confini nazionali è sempre più facile e conveniente, anche grazie al noleggio auto. La società Hertz permette di noleggiare auto a prezzo conveniente con le quali potrete viaggiare in tutta Europa con comodità e convenienza. Partire per l’estero, però, significa anche dover avere a che fare con norme e comportamenti stradali diversi.

Anche se le norme stradali sono abbastanza simili in tutta Europa, non si può dire che esiste un codice stradale europeo unico, quindi occorre informarsi con precisione prima di varcare il confine, per evitare di mettersi in situazioni di pericolo o di scarsa sicurezza stradale e per evitare di incorrere in sanzioni e multe, che in altri paesi possono essere anche abbastanza salate. La differenza più vistosa è sicuramente rappresentata dai limiti di velocità. In Europa esistono diversi limiti di velocità, anche se spesso non si discostano molto dai limiti in vigore nel bel paese.

Ad esempio, in Francia i limiti sono pressoché uguali a quelli italiani, mentre sulle autostrade svizzere il limite è di 120 km all’ora, di 80 km all’ora nelle strade extra urbane, 10 km all’ora in meno se confrontati ai 130 km all’ora e ai 90 km all’ora in vigore sulle strade italiane. Anche in Austria il limite di velocità in autostrada è di 130 km all’ora, 100 km’allora nelle strade extraurbane. Inoltre, occorre tenere a mente che in alcuni paesi occorsi dotarsi di vignetta per il pagamento delle autostrade, in particolare in Svizzera e in Austria. In Svizzera la vignetta ha validità annuale, mentre in Austria la sua durata è più limitata e il costo è inferiore.

Entrambe le vignette possono essere acquistate sia in Italia che al confine. Anche in Slovenia per accedere alle autostrade è necessario il bollino. I limiti di velocità in Slovenia sono i medesimi dell’Italia, ma bisogna ricordarsi di tenere sempre i fanali accesi. In Francia, invece, le autostrade funzionano come in Italia, con pedaggi e caselli. In generale, comunque, i controlli stradali all’estero sono spesso più rigorosi rispetto all’Italia, quindi occorre prestare una particolare attenzione alle norme stradali.

Hertz Rent2Buy Europe è sponsor ufficiale di Murphy Prototipi per il 2014

La Hertz Corporation ha annunciato che Hertz Car Sales Europe è sponsor ufficiale di Murphy Prototipi per il 2014; l’accordo con la squadra di veicoli da corsa endurance, alimentati con energia alternativa, è iniziata con la gara del 19 aprile a Silverstone e continuerà in tutta Europa.

Hertz Corporation ha annunciato

La Hertz Corporation ha annunciato che Hertz Car Sales Europe è sponsor ufficiale di Murphy Prototipi per il 2014

La Hertz Corporation ha annunciato che Hertz Car Sales Europe è sponsor ufficiale di Murphy Prototipi per il 2014[/caption]La 24 Ore di Le Mans, che si svolgerà in Francia il 14-15 giugno, è il momento clou delle corse endurance, con la partecipazione di oltre 245.000 persone nel 2013.

La “Le Mans Series” è un evento accattivante, con un patrimonio incredibile – ha affermato Michel Taride, Presidente del Gruppo, Hertz International – siamo entusiasti di annunciare la nostra sponsorizzazione della squadra Murphy Prototipi per tutta la durata del 2014 European Le Mans Series. Attraverso la nostra partnership, Hertz Car Sales sarà in grado di connettersi non solo con gli appassionati di auto, ma anche con i numerosi fans che la “Le Mans Series” sta guadagnando in tutta Europa. Murphy Prototypes è una squadra fantastica e non vediamo l’ora di essere parte del loro successo per tutta la stagione, continuando a fine mese in Italia.

Come da accordo, il marchio Hertz Car Sales apparirà sulla carrozzeria di Murphy Prototypes LMP2 Nissan V8-powered Oreca 03, sul camion del team, sul garage mobile e sull’abbigliamento dei membri del team. La sponsorizzazione garantirà una significativa esposizione ai media radiotelevisivi per il marchio Hertz Car Sales, nonché una varietà di opportunità di collaborazioni aziendali in tutta Europa. Hertz Car Sales sosterrà la squadra Murphy Prototipi anche via Facebook (Hertz Rent2Buy) e Twitter (# HertzRacing # HertzAlsoSellsCars).

Queste le parole di Rui Ferreira, Vice Presidente Fleet Remarketing di Hertz Car Sale: La nostra associazione con Murphy Prototipi e Le Mans sarà una grande piattaforma per mostrare il marchio Hertz Car Sales in Europa e oltre. Un sacco di persone non si rendono conto che la Hertz non è solo uno dei più grandi fornitori di noleggio auto al mondo; vendiamo anche auto. Abbiamo migliaia di vetture in ottime condizioni per la vendita, con la possibilità per i consumatori di usufruire di un test drive di 3 giorni prima dell’acquisto, una proposta unica nel suo genere. Questa partnership è un ottimo modo per aumentare la consapevolezza di Hertz Car Sales e Rent2Buy sostenendo una squadra in crescita ma già di grande successo.

Il gruppo FIAT nel mondo

Il gruppo FIAT nel mondo è un gruppo che sta acquisendo sempre più importanza. Sono ormai lontani gli anni della Fabbrica Italiana Automobili Torino, il presente e il futuro della casa sono sempre più a Detroit. Sono passati ormai alcuni anni da quando il CEO Sergio Marchionne ha presentato il suo progetto di acquisizione della Chrysler e di GM e il brand è sempre più forte sul mercato. Ma una vera multinazionale come la FIAT moderna, naturalmente, è diffusa in tutto il mondo.
La casa torinese ora è presente con quasi 200.000 addetti in quattro continenti. Gli stabilimenti marchiati FIAT sorgono in quattro continenti e sono 155. La maggior parte sono dislocati in Italia ed Europa, ma sono presenti anche in Asia, Nord America e Sud America. È molto probabile, però, che la presenza della casa in Italia diminuisca già a partire dai prossimi anni, in quanto il gruppo ha più volte stabilito la sua intenzione a trasferire produzione e logistica in paesi dove queste attività possono essere maggiormente redditizie e l’Italia al giorno d’oggi è poco in grado di attrarre investimenti importanti a causa delle note difficoltà relative a un’imposizione fiscale molto elevata e a una burocrazia sempre più farraginosa.
Gli impiegati di FIAT in tutto il mondo sono circa 197.000, di cui circa un terzo in Italia e un altro terzo negli Stati Uniti. Inoltre, la casa di Mirafiori gestisce ben 77 centri di ricerca, 38 dei quali sorgono nella penisola italiana e la maggior parte dei rimanenti all’interno dei confini dell’Unione Europea. La FIAT è discretamente presente anche in Sud America, dove è impiegato più del 20% della forza lavoro complessiva della casa.
Molto probabilmente in un futuro, non troppo prossimo, la FIAT espanderà le proprie operazioni nel continente asiatico e magari anche in Oceania, dove la parte del leone è svolta da case molto diverse da FIAT. Recentemente, inoltre, sono stati presentati dal CEO Sergio Marchionne diversi piani di ampliamento della produzione con un ulteriore sviluppo dei diversi marchi FIAT, in particolare Jeep e Alfa Romeo, che potrebbero far migliorare i conti della casa italiana dopo diversi anni difficili, ma che hanno portato molte soddisfazioni.