• IT/IT
  • Il Mio Account
Città smart in Italia

Città smart in Italia

Pubblicato 19 ott, 2018

Leggi di più

Le nuove tendenze della tecnologia e dello sviluppo sostenibile stanno rapidamente trasformando le più grandi città del mondo. Da questo punto di vista, anche in Italia si trovano dei centri urbani che stanno facendo passi da gigante e non mancano le classifiche annuali delle città più “intelligenti”, che danno risalto alle misure da esse adottate. Nel 2017, Milano è stata classificata la città più “smart” d’Italia, confermandosi per il quarto anno consecutivo e staccando le altre città per una serie di fattori, fra i quali la mobilità sostenibile rappresentata dalle auto elettriche e dalle auto ibride. Ottimi risultati li hanno ottenuti anche Bologna, al secondo posto e Firenze, che si è distinta per le politiche relative al turismo sostenibile, alla cultura, all’energia e all’ambiente. Seguono poi altri importanti centri come Venezia, Trento, Bergamo e un gruppo di centri dell’Emilia Romagna come Ravenna, Modena e Parma, che dimostrano una crescente attenzione della regione verso i temi dello sviluppo sostenibile e del rispetto dell’ambiente.

Ma quali sono i criteri che rendono una città “intelligente”? La classifica stilata si è basata su diversi aspetti tra cui povertà, istruzione, aria e acqua, energia, crescita economica, turismo e cultura, ricerca e innovazione, mobilità sostenibile, verde pubblico, suolo e territorio, legalità e sicurezza. Tutti questi elementi sono a loro volta legati agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile introdotti nell’Agenda 2030 dell’ONU.

Molte città si stanno impegnando a fondo per raggiungere e rispettare determinati obiettivi e uno dei problemi più sentiti in Italia è senza dubbio quello legato all’inquinamento dei centri cittadini, dovuto in gran parte al traffico. Dal momento in cui bloccare il traffico è impossibile, si è giunti all’idea di trasformarlo, eliminando le fonti di inquinamento, a partire dai mezzi pubblici, che sempre più frequentemente sono elettrici o ibridi. Le auto a basse emissioni possono circolare anche in presenza di blocchi del traffico. Sul territorio italiano stanno arrivando le prime società di car sharing, che offrono flotte di veicoli elettrici o ibridi per spostarsi nei centri storici. Stanno inoltre nascendo delle vere e proprie “isole” con colonnine di ricarica, per agevolare i privati che usano auto elettriche, sul modello di quanto già avviene nel Nord Europa.

Archivio del blog

Altri articoli

L’evoluzione del mercato dei veicoli elettrici e l’opportunità di crescita in Europa

L’evoluzione del mercato dei veicoli elettrici e l’opportunità di crescita in Europa

Leggi di più

Sistemi di ricarica wireless in auto

Sistemi di ricarica wireless in auto

Leggi di più